La Lira è tornata! Non è uno scherzo, è una birra…

ESPOSITORE

I nostalgici del vecchio conio avranno avuto un sussulto al cuore nel leggere “La Lira è tornata!”. Il vero sussulto emotivo, in realtà, è destinato agli amanti della buona birra artigianale. “Lira” è, infatti, il marchio creato dal beer firmer Davide Silvestri, che dal 2015 ad oggi sta facendosi conoscere grazie a una birra di qualità assoluta, proposta in una veste accattivante.

Folgorato sulla via del luppolo

L’avventura di Birra Lira nasce nell’estate del 2015, quando Davide Silvestri, allora trentaquattrenne, vuole dare una svolta alla sua vita. All’epoca attore, con alle spalle esperienze in varie fiction televisive e comparse in film per il grande schermo, sente il bisogno di dedicarsi a qualcosa che gli piaccia davvero. Qualcosa che riesca a farlo sentire libero e appagato. La passione per le buone birre lo accompagna da anni e diventa allora ispirazione per l’azzardata idea di prodursela da solo, la sua birra. Ad aiutarlo, in questo, l’amico e vicino di casa Mauro Fasoli. Le sue competenze di ricercatore di fisica della materia diventano fondamentali nella sperimentazione e nella messa a punto delle ricette che Davide ha in mente.

1Q1A8041

Il logo

Attento anche a quelli che possono sembrare solo dettagli, Davide vuole dare un’impronta unica alla sua birra. La qualità del prodotto resta la base, ma per distinguersi nel sempre più articolato panorama dei microbirrifici artigianali serve qualcosa d’impatto. Una veste accattivante, che sia facilmente distinguibile e che inviti, in un certo senso, all’assaggio. Ecco allora che, insieme a un altro amico, Luca Sala, scenografo RAI, Davide individua un logo e un nome: ‘Volevo si capisse all’istante che fosse un prodotto italiano, con un legame forte alla nostra storia, al nostro passato. Spesso capita di sentir dire: “Come si stava bene quando c’era la lira…”. Beh, adesso la Lira è tornata!’. Così nasce il marchio Birra Lira, con un logo che si rifà alla moneta del vecchio conio, raffigurando però una foglia di luppolo.

LOGO ISTITUZIONALE

Il socio illustre

Con la ricetta della prima cotta già ben definita e un logo pronto, mancava solo la spinta necessaria a far decollare il progetto. Spinta che arriva grazie al cugino di Davide, ovvero Francesco Silvestre, meglio noto come “Kekko”. È proprio lui, il cantante del gruppo musicale dei Modà, a sposare il progetto di Davide e diventarne socio. ‘Vi svelo un segreto: non mi è mai piaciuta molto la birra’ – confida Kekko. ‘Poi la passione di mio cugino Davide mi ha contagiato e mi ha fatto scoprire un mondo incredibile, pieno di sfumature, capace di farti capire come fare birra non sia semplicemente passione, ma arte’. Così Davide e Francesco si firmano, un po’ per gioco e un po’ per passione, rispettivamente come “Il Governatore” e “Il Cassiere” di questo ritorno alla Lira… non una moneta, ma una birra. Anzi, un’ottima birra!

IMG_18321Q1A8106

La specialità che fa la differenza

Questa storia affascinante evaporerebbe come la schiuma inconsistente di una birra dozzinale, se alla base non ci fosse la qualità del prodotto. E invece, sarà per la passione verso i luppoli americani e neozelandesi, sarà per le accurate sperimentazioni realizzate col contributo di Mauro Fasoli, ma Davide s’è giocato bene le sue carte. A partire dalla “Cornucopia”, la prima nata sotto il marchio Birra Lira. Si tratta di un’ambrata dalla discreta gradazione alcolica (6,2%), con un gusto maltato e sentori di caramello. Poi c’è la “Delfino”, una chiara in stile Blond Ale, dal classico colore giallo intenso, che si presenta con un generoso cappello di schiuma bianca e persistente, morbido approdo al primo sorso. Qui rivela subito la sua freschezza beverina, con una vivacità contenuta e un buon equilibrio tra dolce e amaro. Caratterizzata da una bassa gradazione alcolica (4,5%), riesce a risultare dissetante, ma, al contempo, capace di appagare il palato con un gusto non banale. A completare la gamma di proposte c’è poi la “Agricoltore”, una IPA, dal colore dorato, dove prevale la nota amara dei luppoli americani. Birra che ha avuto il merito di essere premiata al concorso Solo Birra 2019, terza classificata nella categoria American Ipa.

Una piccola grande soddisfazione per Davide, che vuole crescere senza affanni: ‘Non voglio essere ossessionato dall’ansia di aumentare la produzione. Voglio sì che Birra Lira cresca, ma coi tempi giusti, senza mai tradire l’attenzione alla qualità’.

AgricoltoreCornucopiaDELFINO

Dal passato, uno sguardo al futuro

Tre diverse tipologie di birra, tutte prodotte presso gli impianti del birrificio Eretica di Ornago (MB) e disponibili nell’unico formato da 33 cl. Accattivante anche la bottiglia, piuttosto bassa, ma dal profilo bombato, soprattutto alla base, al punto da ricordare una piccola botte. Attorno al collo della bottiglia è legata una cordicella con una targhetta di legno, a forma di moneta, su cui da un lato è raffigurato il logo e dall’altro sono riportate le informazioni di contatto. Un originale promemoria per chi, magari, arrivato a fondo bottiglia, avverte già un po’ di nostalgia e vuole ripetere l’esperienza. Ciascuna delle tre tipologie di birra è, inoltre, facilmente distinguibile dall’etichetta. A ognuna è associato un colore diverso: bronzo per la Cornucopia, come la moneta da una lira; argento per la Agricoltore, in stile moneta da 2 lire; giallo oro per la Delfino, che si rifà alla moneta da 5 lire.

 

Un marchio che viene dal passato, ma con lo sguardo rivolto al futuro. Distribuita perlopiù in alcuni ristoranti e hotel di Milano e della provincia brianzola, Birra Lira sta per mettere piede anche in alcune località della Toscana. La Agricoltore, poi, ha addirittura varcato i confini nazionali, volando sino in Australia e in Nuova Zelanda, dov’è stata distribuita in alcuni locali.

Una piccola realtà, nata da una passione e da un desiderio di svolta, che ha il merito di portare un contributo di qualità al vasto e articolato mondo dei birrifici artigianali italiani. La Lira è tornata e, in fondo, ha già vinto la sua scommessa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.