KOPI LUWAK, il caffè più raro al mondo – Non è tutto oro quello che luccica

1

Il Kopi Luwak è un pregiato caffè di origine Indonesiana, conosciuto anche come kopi musang in Malesia, nasconde il suo valore già nell’etimologia. Infatti, se kopi significa proprio caffè, luwak identifica lo zibetto comune delle palme.

E cosa ci azzecca, direte voi.

Le bacche di caffè fanno parte della dieta del mammifero insieme a piccoli rettili, uova di uccello, insetti e frutta carnosa come il mango, l’ananas, il melone, le banane e i fichi.

La produzione di caffè è basata sulla raccolta delle bacche ingerite, parzialmente digerite e defecate dal luwak.

La cuticola del seme risulta più rugosa rispetto ad altri chicchi, poiché gli enzimi digestivi degradano le proteine che la compongono, rendendo il caffè meno amaro.
Seguono fasi di lavaggio e tostatura finalizzate ad eliminare tutti i residui di escrezione.

3

L’inizio di questa pratica risale al XIX secolo, quando l’Indonesia -colonia olandese- era ricca di piantagioni di caffè: agli schiavi era vietato il consumo del prodotto che essi stessi lavoravano, per questo motivo, pur di non rinunciarvi, cominciarono a recuperare le bacche escrete dagli zibetti.
Con il tempo, anche i colonizzatori iniziarono a gradire il particolare sapore conferito dagli animali al caffè.

Il singolare metodo di produzione conferisce al kopi luwak un costo elevato (che si aggira attorno ai 500-700 euro al kg), e lo colloca tra le bevande di prestigio; si distingue per la quasi totale assenza del sapore amaro, un retrogusto di cioccolato e un flavour di selvatico.

Alcuni critici hanno tuttavia definito il caffè indonesiano “a cup of coffee as flavorless as wet cardboard.”

2

Di un avviso analogo, seppur meno tecnico, è anche Emanuele Terazzi, grande amante della cucina gourmet nonché degustatore di Kopi Luwak, da lui definito buono come altri caffè.

Come sei venuto a conoscenza dell’esistenza del kopi luwak?

Ne avevo sentito parlare, quando una sera alla Magnolia di Forte dei Marmi, a fine cena mi hanno portato un “Menu dei caffè” e ho visto che per soli 24€ (ora si trova a prezzi piú bassi), avrei potuto provarlo. Devo ammettere che ci ho pensato un po’ su prima di investire tanto denaro in una tazza di caffè, ma alla fine ho ceduto.

Raccontaci un po’ il gusto del kopi: di cosa sa?

Dopo averlo recentemente provato di nuovo (grazie ad un amico che me lo ha portato dall’Indonesia) la prima cosa che si nota é la maggiore dolcezza rispetto all’espresso normale, per cui consiglio di provarlo inizialmente amaro e di aggiungere lo zucchero gradualmente, si percepisce un retrogusto di cioccolata, fatico ad individuare il sapore selvatico che la teoria vorrebbe si sentisse.

E’ paragonabile per colore, consistenza e corposità ad un caffè espresso da bar?

Il Washington Post lo ha definito “un caffè insapore come del cartone bagnato”, hanno sicuramente esasperato il concetto ma rende perfettamente l’idea riguardo il colore più chiaro e la minor consistenza rispetto ad un normale espresso.

Come lo si prepara?

A casa lo ho preparato con la moka, con le stesse dosi di un caffè espresso, farò altri test modificando le percentuali dei due componenti.

Contiene caffeina?

Si ma in percentuali minori (0.5%) rispetto al normale caffè (1-2%)

E’ facilmente reperibile in Italia?

Credo che Mr. Amazon abbia risolto anche questi problemi, si trova più facilmente di un tempo. Come in tutte le cose, più se ne trova, più é alto il rischio di contraffazione… facciamo attenzione.

4

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...