Zibo Campo Base- Cuochi Itineranti

Scopri la pagina Instagram di Giulia

Già nel nome, Zibo, esprime tutta la sua non convenzionalità. Dà l’idea di essere un posto da cercare e scoprire, lontano dalle vie principali e dai sentieri battuti, per diventare un punto di riferimento.

Piccolo giusto 4 lettere, ma intrigante nella forma.
Come quella dei suoi ravioli. Colonna, anzi palo, portante del Campo Base. Realizzati a mano con un formato unico e originale (ovviamente). Il sapore rispecchia fedelmente quello della tradizione: il bollito meneghino e il ragù bolognese sanno esattamente delle domeniche in famiglia. Stop. Non c’è niente di reinventato da aspettarsi.

Snapseed (4)

Tra i piatti assaggiati sono da segnalare gli sfiziosi Mondeghini accompagnati da maionese al rafano, i ravioli Gyoza allo scoglio e gli gnocchi ripieni. Al contrario, non si è rivelato particolarmente sorprendente il sandwich con polpo piastrato alle erbe, nonostante il pane con farina di riso e grano spezzato avesse una marcia in più rispetto al tradizionale bianco o ai cereali compresi nel coperto.
Poche proposte sulla carta lo rendono schietto e pratico, così come l’arredamento. Ambiente compatto, che conta una trentina di posti a sedere, e con carattere.

I prezzi rispettano la media dei ristoranti della zona. Prendendo un paio di portate a testa, si arriva a spendere una ventina di euro a persona, bevande escluse.

Servizio veloce, alla mano e cordiale.

Nasce come food truck itinerante, si evolve e mette le radici in un campo base pur mantenendo la sua anima nomade. Infatti, è possibile ordinare anche cibo da asporto che viene consegnato direttamente dalla cucina a vista sulla strada, attraverso una finestrella dedicata al take away.
Un locale multitasking che ben si adatta ad una città come Milano, dove, nonostante la fretta, non si vuole rinunciare al lato fashion e appagante di una pausa pranzo al volo, bella da vedere, buona da mangiare e instagrammabile.

Snapseed (1)

Un consiglio: guardarsi attorno. Oltre a suppellettili e oggetti, sui muri si trovano appese lavagnette con info di vario tipo che spaziano dai prezzi dei vini al calice alla spiegazione del pastrami… Chi sa cos’è alzi la mano. Per tutti gli altri, fate un giro da Zibo e assaggiatelo.

Insomma, a place to be. Taac

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...